L'Appetito Vien Leggendo

Food, Travel & Photos

Un salto in terra romagnola

Settimana massacrante, lavorativamente parlando…Ho percorso 1044 km in soli 4 giorni con la mia fida macchinina…Non ho avuto mai tempo di cucinare tranne che per fare dei biscottini domenica sera che mi volevo portare per il viaggio (a breve li posterò, ma sono molto semplici). Quindi nel post di oggi ho deciso di parlarvi di un mio esperimento fatto la settimana scorsa e a mio avviso ben riuscito: LE PIADINE.
Sul web ho trovato varie ricette per farle e ho visto che la ricetta originale emiliana prevede l’utilizzo dello strutto. Io ne ero sprovvista e ho quindi cercato delle alternative. Ho visto che potevano essere fatte anche con l’olio d’oliva o con l’olio di semi. Io ho optato per quest’ultima soluzione visto che facendole con l’olio di semi sarebbero risultate più leggere.
Vi segno qui di seguito gli ingredienti e il procedimento da me utilizzato.

PIADINE

Ingredienti per l’impasto di 4 piadine piccole o 2 grandi:

– 250 gr di farina 00(meglio ancora se riuscite a trovare la farina LoConte per Piadine)

– 1 cucchiaio di olio di semi(o di olio d’oliva o 40 gr di strutto)

– ½ cucchiaino di sale

– ½ cucchiaino di bicarbonato

– 120 gr di acqua tiepida

Ingredienti per la farcitura

PROCEDIMENTO

In un recipiente mescolare la farina, il sale e il bicarbonato.
Fare una fontana e al centro versare l’olio e l’acqua.
Lavorare l’impasto fino ad ottenere una palla liscia ed elastica.
Riporre la palla nella terrina e far riposare per 15-20 minuti.
Riprendere l’impasto dividerlo in due o 4 parti e con l’aiuto di un matterello stendere ogni disco di pasta facendolo alto 3 mm circa(operazione abbastanza faticosa a mio avviso…ci vuole molto olio di gomito e non mi sono usciti dei cerchi proprio perfetti).
Prendere una padella antiaderente o una piastra per piadine(io avevo questa a disposizione) e metterla sul fuoco per farla scaldare. Dopo qualche minuti posizionarvi sopra la piadina.

Far cuocere due minuti per lato controllando bene che sia cotta prima di girarla.

Mentre si sta cuocendo il secondo lato iniziare a farcire la parte già cotta con ingredienti a piacere.

Dopo aver farcito e ultimato la cottura, piegare la piadina aiutandovi con un coltello e…buon appetito!!!
L’impasto devo dire che era ottimo, la lavorazione è veloce e vi potete sbizzarrire con la farcitura a seconda dei gusti.
13 Discussions on
“Un salto in terra romagnola”

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close