L'Appetito Vien Leggendo

Food, Travel & Photos

L’albero dei taralli insidiosi…

Ho fatto i taralli, ma guardateli bene perché non li farò mai più!!!
Hanno una serie di controindicazioni che non avevo preso in considerazione prima di cimentarmi.
Innanzitutto dovete sapere che sono  molto più buoni e fragranti di quelli comprati e se di quelli confezionati ne mangi mezzo sacchetto e poi un po’ a malincuore riesci a rimettere il laccetto di plastica(di quelli bianchi o verdi con all’interno il fil di ferro) alla confezione e a riporli nella dispensa, di questi home made, finchè non vedi il sacchetto vuoto, che poi andrà a finire nella pattumiera senza il relativo laccetto che verrà riciclato nel secondo cassetto della cucina insieme ad altre mille cianfrusaglie tra cui 10 apribottiglie sponsorizzati uno per colore, non riesci a smettere e tutti i tuoi buoni propositi del tipo “un altro poi smetto” oppure “un altro e poi vado a farmi una camminata a piedi(certo con un 1 grado sai com’è piacevole camminare)” vanno a farsi benedire. Quindi questi cosini da 20 gr ciascuno sono capaci di prendersi gioco del tuo self-control e a me questa sembra una cosa molto grave!!!
Questi taralli fanno venire i sensi di colpa alla gente specialmente se vengono fatti il sabato sera. Mi spiego meglio. Fuori c’era la neve, la voglia di uscire era pari a zero e quindi mi sono detta “perché non facciamo i taralli così domattina ce li spizzichiamo due in attesa del pranzo’?!?”.  In realtà quelli che abbiamo spizzicato sono stati più di due(la cavia c’ha voluto anche il Crodino da bere) e il risultato è stato: io ho pranzato con i taralli(ero piena come un uovo, tanti ne avevo mangiati) e so che anche la cavia da sua nonna ha lasciato parte della pasta a lui destinata e trattandosi di un evento più unico che raro, dovete sapere che la poverina ha creduto di aver fatto la pasta più cattiva di tutta la sua vita!!!(per colpa di questi cosini anche i rimorsi alla nonnetta sono venuti!!!).
Per finire poi l’altra controindicazione è che sono semplicissimi da fare e di conseguenza la cavia ha voluto darmi una mano!!!
E dovete sapere che il soggetto mi sta facendo alterare perché non è più imbranato come gli inizi!!!
Ho deciso che lui sarebbe stato l’addetto all’immersione e alla scolatura dei taralli previa cottura in forno, immaginando già i miei numerosi interventi e invece, a parte un tarallo a forma di cuore che si è rotto ma non per colpa sua, tutto è filato liscio o quasi…Alla fine infatti quando per scottare l’ultimo tarallo mi sono avvicinata alla pentola ho scoperto perché negli ultimi minuti i taralli facevano così veloci a risalire a galla…Di acqua ne era rimasta meno di un dito poichè era tutta evaporata e lui non se n’era accorto!!! A parte questo però la cavia si è rivelata un ottimo aiutante e questo non va bene perché io con chi rido in cucina se lui si mette a fare le cose per bene?!? Quindi la prossima volta dovrò farmi aiutare per qualcosa di più arduo in modo tale che la sua imbranataggine non possa essere smentita ;-).
Io quindi la ricetta ve la lascio, ma se poi vi succede come a me, non mi venite a dire che non vi avevo avvertiti!!!;-)
TARALLI ALLA PAPRIKA
Ingredienti per circa 35 pezzi:
  • 500 gr di farina 00
  • 130 ml di olio e.v.o
  • 12 gr di sale fino + 1 cucchiaio
  • 150 ml di vino bianco secco
  • paprika in polvere q.b. (sostituibile con rosmarino o semi di finocchio da mettere nell’impasto all’inizio del procedimento)
Procedimento
Setacciare la farina su una spianatoia e formare una fontana. Versare al centro 12 gr di sale fino, l’olio e il vino.  Impastare con le mani fino ad ottenere un composto elasatico. Formare una palla e farla riposare in un recipiente comperta da un canovaccio pulito per 20 minuti.
Riprendere l’impasto, suddividerlo in tanti pezzetti e facendoli rotolare sulla spianatoia infarinata, formare dei bastoncini dal diametro di circa 1 cm che andranno richiusi su se stessi schiacciando le estremità in modo che non possano riaprirsi e volendo si può dare la forma di un cuore oppure possono essere lasciati a forma di anello(io ho fatto un po’ di entrambe le forme).
Portare a ebollizione una pentola con 3 litri di acqua e un cucchiaio di sale fino.
Immergere i taralli nell’acqua pochi per volta e prelevarli con una schiumarola appena salgono a galla.
Metterli ad asciugare su un canovaccio pulito per qualche minuto. Disporli su una teglia ricoperta di carta da forno, spolverizzarli con la paprika e cuocerli in forno caldo a 200° per circa 25 minuti. Sfornare e far raffreddare. Dice che si conservano chiusi in un sacchetto e protetti dall’aria anche venti giorni(i miei non sono durati nemmeno 24 ore).
31 Discussions on
“L’albero dei taralli insidiosi…”
  • tesoro un servizio fotografico perfetto ! complimenti è un’ottima ricetta e considerata la presenza della forma “cuoricino” parteciperei al contest di cuocicucidici…molto artistico il tuo albero…mi piace molto, complimenti cara, un bacio grande.

  • Che bellini!E chissà che buoni…io e il mio ragazzo siamo dei taralli.dipendenti…forse se li faccio non riuscirà più a farne a meno!:O
    gli oggettini per gli aperitiviinvece sono di un amore!Non vedo l’ora di vederli tutti con i tuoi finger food
    Un bacione

  • Tesoro bello scusa se te lo dico ma…questo è un colpo bassissimooooo! E’ vero che mi hai avvertita delle controindicazioni ma se ad un bambino dici di non toccare la tavoletta di cioccolato lui che fa?!?!?! Ci arriva subito di filato! E se tu mi metti in guardia dai taralli che succede? Mi vien subito voglia di farli e pure di corsa dopo aver visto quello splendido alberello e la copertura di paprika…picàntoooooooo?!?!?!
    Ok ok prometto che poi raddoppierò le sedute in palestra ^__^
    Baciotti, sei troppo forte ^__^

  • Adoro i taralli, ho una ricetta fidatissima in archivio da provare ma non ho il coraggio perchè poi me li mangio tutti!!!Quindi, siccome cerco di fare la dieta, me ne scappo via di qui!!!Smack!!!

  • Ma sono bellissimiiiiii!
    E che presentazione…certo fai di tutto per attirare l’attenzione su queste meraviglie…e ora è troppo tardi per tirarsi indietro 😀
    Bellissimi, buonissimi e mi piace anche l’idea della paprika. Bravissima.
    Un bacione

  • Ciao!
    Scusa tantissimo l’effetto “spam”, ma abbiamo pochissimo tempo per avvisare tutti! Dopo il successo della precedente contro l’omofobia, decolla una nuova iniziativa food-bloggers contro l’atteggiamento indegno del Governo nei confronti delle donne. Qui trovi tutte le info. Vieni a leggere, grazie!
    http://merendasinoira.wordpress.com/2011/01/24/entro-il-6-febbraio-liberiamoci-del-maiale/
    http://kemikonti.blogspot.com/2011/01/nuovo-post.html

  • ehi ma che buoni! complimenti per gli accessori e per le foto, come sempre bellissime.
    buon lunedì saretta!

  • guarda che la cavia sta diventando un perfetto aiutante, non mi stuoirei se aprisse anche lui un blog!ti capisco per i taralli, anche io combinato simile prova, per cui adesso non si fanno più nè si omprano così si evita di pensarci!

  • mi sa che da questi taralli devo stare lontana.. hanno davvero l’aria di essere molto pericolosi per la mia linea.. sono strepitosi… non per farmi i fatti tuoi ma sono davvero così belli che dovresti partecipare al contest di Flavia sul cuore.. la loro forma è stupenda.. un bacio

  • La cavia comincia a migliore, mi fai morire e chissà quali altre prove li farai fare…in quanto a questi taralli per una come me che magerebbe salato sempre, sono una pioggia di cuori piovuti dal cielo. Ed anche molto, molto scenografica. Tutto al top ^_^

  • Sono d’accordissimo con Federica…adesso siamo tutte qui con stampante accesa e piede in partenza per la cucina..!! Troppo buoni!

  • Non ho mai fatto i taralli ma dopo la tua descrizione come posso non provarli? Dovrò stare molto attenta però, visto il loro alto livello di “pericolosità” :)!

  • @claudietta. Grazie mille cara. Per quel contest farò qualcos’altro visto che questi non sono proprio tutti a forma di cuore. Un bacione

    @cranberry. Benvenuti nel club anche a voi allora ;-)!!!Un bacione

    @lauradv. Grazie mille cara. Corro a vedere i tuoi!!!Un bacione

    @federica. Mi dispiace tesoro, ma come si dice “mal comune, mezzo gaudio”…Quindi più ci mettiamo a fare e mangiare i taralli e meglio eh, no?!?;-) Un bacione

    @ambra. Grazie allora per esserti fermata e aver lasciato anche un’improntina del tuo veloce passaggio!!!Un bacione

    @elifla. Vedo che ci capiamo io e te allora ;-)…Un bacione

    @viola. Sono una diavoletta tentatrice oggi ;-)!!!Sono proprio felice che ti piacciano questi golosi tarallini…Un bacione

    @gianni. Grazie mille! A presto

    @mary. Grazie mille cara- Sono proprio felice che il post ti sia piaciuto. Un bacione

    @nena. Grazie mille cara. Sono molto felice che anche le foto e gli accessori “fashion” ti piacciano!!!Un bacione

    @lucy. Per un blog tutto suo la strada è ancora lunga e tortuosa ;-)…I taralli invece sono troppo buoni…Ma basta non ci cado più. Un bacione

    @dada. Ok. Fammi sapere poi. Un bacione

    @lerocherhotel. Infatti sono ottimi per l’aperitivo!!!Grazie mille. A presto

    @fabiana. Infatti per chi sono nel periodo diete&co sono sconsigliatissimi. Di per se non sarebbero così calorici, però il problema è che poi se ne mangiano quantità industriali e allora di che lo diventano. Grazie mille per la dritta del contest…Ho deciso però di fare qualcos’altro per quel contest visto che questi sono metà tondi e metà a cuore ;-). A breve mi diletto in qualcosa di cuoricinoso!!!Un bacione

    @lety. Grazie mille cara e lo sai che anche io ultimamente sono nel periodo salato ;-)?!?Questi cuoricini tarallosi sono il massimo. Un bacione

    @ornella. Bene allora poi attendo rapporto ;-). Buona tarallata. Un bacione

    @C&G. Grazie mille ragazzi! Un bacione

    @lo81. Prova, ma fai attenzione mi raccomando. 😉 Un bacione

  • adoro i taralli!!!e questi a forma di cuore sono ancora più carini!!fai le prove generali per S.Valentino!?no, perchè son venuti bellissimi 😀 e peccato per quello rotto, ma credo proprio abbia raggiunto i fratellini nel vostro stomaco ;PP

    sia l’appenditaralli che il resto delle suppellettili sono carinissimi!originali e davvero accattivanti!!! beh, sembrano fatti apposta per i tuoi taralli ;P

    complimentoni e un bacione a te e all’aiuto-cuoco!!!

  • So perfettamente di cosa parli… anche qui finiscono con la rapidità di un battito di ciglia..
    Bellissima ricetta, li rifarò sicuramente..
    Cmq sono perfetti per il contest “Harti to hart” di Cuocicucidici.. se ti interessa ti mando il link..
    Baci
    Eli

  • Ihihih!! Oh come hai ragione!! Anche noi (anche io con l’hommo a collaborare) quendo li abbaimo fatti ne abbiamo pappati un sacco.
    Poi li abiamo fatti in 3 sapori diversi, giusto per non placare mai la voglia di pizzicarli!!
    Buoni alla paprika… fameeeeeeee!!

  • capisco le controindicazioni…già danno dipendenza quelli confezionati, figuriamoci questi fatti in casa! non sapevo che andassero bolliti prima, vedi che scoperte? anche io ho avuto il fidanzato come aiuto cuoco questa settimana! nei prossimi giorni mettero i risultati… 🙂

    Le cosine della mebel sono davvero carine, anche io dovrei ricevere un loro pacco a breve!!

  • Ciao Saretta ! mi era sfuggito questo post… !!! e che sia dipendenza se è il prezzo per assaggiare questi saporitissimi e piccanti salatini ! Bellissimi i piatti con cui li presenti !! Ciao e un abbraccione !!!

  • @unazebrapois. Grazie mille cara!!!Ti confermo che quello rotto non si è aggiudicato il posto nelle foto, ma è stato il primo a finire nel pancino!!!Un bacione

    @civette. Grazie mille!!!Sono felice che il post vi piaccia. Un bacione

    @eli. Grazie mille cara. Per quel contest faccio qualcos’altro di più cuoricinoso…Un bacione

    @parentesi culinaria. Sai che anche io volevo farli un pò di vari gusti?!? Poi alla fine ho desistito e mi sono fossilizzata con la paprika…Troppo buoni comunque. Un bacione

    @strawberry blonde. Grazie mille cara. Un bacione

    @marzia. Vanno bolliti per far si che si formi quella crosticina dura esterna durante la cottura in forno, un pò come avviene per i bretzel…Attendo allora di vedere i risultati della cucina in due ;-). Sono curiosa di vedere allora cosa ti mandano dalla Mebel! Un bacione

    @rossella. Grazie mille e non ti preoccupare perchè può capitare si lasciarsi sfuggire qualcosa nella giungla del blogroll. Un abbraccione anche a te.

  • cuccioli cuochini crescono….che bello!
    complimenti per questi taralli e per la tua splendida presentazione.
    hai una nomination, passa a trovarmi per vedere…

  • @benny. Grazie mille e piacere di conoscerti. Passerò senz’altro nel tuo blog. Un bacione

    @susanna. Grazie mille cara. Sono venuta da te ma la nomination non l’ho vista. Di cosa si tratta? Un bacione

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close