L'Appetito Vien Leggendo

Food, Travel & Photos

una torta (quasi) meritata…e una vittoria…;-)

Domande e atteggiamenti da cavia in assistenza a una malata quasi completamente senza voce.
“Quanta acqua devo mettere? Ora che ho messo il pesce cosa devo fare? Qui inizia a fare le bollicine quindi calcolo i sei minuti da adesso? Sono passati i sei minuti, come lo scolo? Dove te lo metto per mangiarlo?”
E io con un filo di voce dal letto della camera, davo delle precise indicazioni per far lessare un filettino di merluzzo surgelato da 100 gr… Pensate se doveva cuocere una bistecca!!! E sul finale si è presentato in camera trionfante con il minitrancio che si perdeva nell’enorme scolapasta con la soddisfazione di un bambino che pesca per la prima volta un pesce da 10 kg…
“Quante pere devo prendere? Ti servono un tipo in particolare? Se non ci fossero le abate e ti prendo un altro tipo è uguale no? Tanto non c’è molta differenza immagino…E poi devo prendere le zucchine, giusto?!?”.
“Le pere prendile solamente se ci sono quelle abate e mi raccomando fai attenzione che non ti diano qualche pezzo marcio o rovinato”.
Dubbi da spedizione al negozio della frutta, dal quale torna ovviamente con le pere sbagliate e due zucchine mezze sbucciate dalle botte che hanno preso.
“Ti ho fatto una sorpresa…Visto che hai mal di gola e non stai mangiando niente ho pensato che questo ti potrebbe aiutare un po’”.
Ed entra in camera con una vaschetta di gelato sciolto artigianale ai gusti cioccolato, caffè, nocciola e crema…Peccato che tra influenza e raffreddore non avrei sentito la differenza nemmeno tra un gelato gusto rabarbaro e un gelato gusto fragola…Mi sembrava tutto uguale e…senza sapore!!!Per di più con tutte le medicine che stavo prendendo mi sembrava anche amaro…
“Allora quanti sacchi di pellet prendo?Devo andare subito?”
“Prendine sei e vai subito che non ne ho più e in questi giorni è bene che la casa sia molto calda”.
Torna dopo venti minuti con lo scontrino e il resto. “E il pellet?” “ Ah già il pellet l’ho scaricato nel magazzino”. Eppure lo dovrebbe sapere bene che la mia stufa è in casa e non in magazzino?!?
La sera prima del malessere avevo fatto una lavatrice di panni colorati.
“Io non riesco nemmeno ad alzarmi. Puoi togliere i panni dalla lavatrice, metterli in una bacinella di plastica(la più grande) e poi stenderli sullo stendino(il mio stendino ha 4 piani!!!) e metterli al sole?!?”. “Ok.”
Tempo cinque minuti.
“Sara non c’entrano…(a urlo steso)”. ”Ma come non c’entrano(dalla camera con un filo di voce)?!? A me avanza sempre lo spazio”. “Ti dico che non c’entrano”. “Vabbè ci credo. Ma quanti ne hai messi?!?”. “Nemmeno la metà”. “Senti porti qua questo stendino(tanto ha le ruote) che voglio vedere cosa sta succedendo?!?”. E nonostante i dolori, ho riso mezz’ora e avrei voluto avere una telecamera per riprendere il tutto.
Aveva messo un panno per ogni ripiano ovviamente tutti belli larghi e distesi o meglio spalmati su sei fil di ferro e quà e là in qualche buchino libero(ma comunque non in un singolo fil di ferro ma sempre distesi in almeno tre fili)le calze!!!Con due felpe, due paia di jeans e qualche calza con i personaggi della Disney(compro solo quelle da Calzedonia e in palestra sono famosa per le mie calze da adulta)aveva riempito uno stendino!!! No comment!!!
Però nonostante tutto mi ha aiutato parecchio e quindi quando mi sono un pò ripresa ho voluto preparargli un dolcino che sapevo avrebbe gradito senz’altro. A lui i dolci piacciono o al cioccolato o agli agrumi
e visto che io adesso non sono nel periodo cioccolato(e nemmeno dolci in realtà), ho optato per i secondi preparandogli un dolce trovato su una vecchia rivista(mi sembra Anna, ma non sono certissima visto che la pagina era strappata da diverso tempo)che era a casa di mia madre.
Si tratta di una torta particolarissima che almeno una volta va provata e che a me è piaciuta molto, alla cavia idem e anche mia madre se n’è mangiata una bella fetta esprimendo il suo pieno gradimento.
E’ una torta senza lievito, molto bassa e molto morbida, fatta con una crema pasticcera al mandarino unita a del cous cous precotto fatto gonfiare con del succo di mandarino bollente e poi cotta in forno per quaranta minuti.
E’ leggerissima e appaga veramente il palato.
Vi consiglio di provarla e mi raccomando di non sostituire i mandarini con i mandaranci o con le clementine, poiché avendo quest’ultimi meno sapore rispetto ai primi potrebbero compremettere il profumo finale del dolce.
Prima di passare alla ricetta voglio condividere con voi la mia gioia per essere una delle dodici vincitrici del contest lanciato dalle simpatiche Leda e Claudia di About Food.
Una mia foto infatti, quella con la quale avevo partecipato al contest, è stata inserita nel loro bellissimo calendario visionabile e scaricabile da QUI(o cliccando sulla foto sotto).
La mia foto è quella del mese di marzo ;-).
TORTA SOTTILE AL MANDARINO CON COUS COUS
Ingredienti per uno stampo rotondo da 20 cm
Per la crema pasticcera al mandarino
  • 350 ml di latte fresco
  • 3 tuorli
  • la buccia di un mandarino non trattato
  • 30 gr di farina 00
  • 60 gr di zucchero semolato
Per il cous cous al mandarino
  • 125 ml di succo di mandarino filtrato(circa 6 mandarini spremuti)
  • 125 gr di cous cous precotto
  • ½ cucchiaio di olio e.v.o.
  • 10 gr. di burro
  • 70 gr di zucchero semolato
Per lo spolvero
  • Zucchero a velo q.b.
Procedimento
Preparare il cous cous
Mettere in un pentolino il succo del mandarino e portare ad ebollizione. Al bollore spengere, aggiungere l’olio, versarvi tutto il cous cous, coprire con un coperchio e lasciar gonfiare per circa 4 minuti.
Trascorso questo tempo riprendere il pentolino, aggiungere il burro e con una forchetta sgranare il cous cous. Aggiungere lo zucchero mescolare bene e lasciar raffreddare.
Preparare la crema pasticcera al mandarino
Con una frusta a mano montare i tuorli con lo zucchero e la farina. Mettere il latte in un pentolino con la scorza di un mandarino e portare a bollore. Allontanare dal fuoco, togliere la scorza e versare il latte sopra al composto a base di tuorli. Mescolare bene e versare tutto di nuovo nel pentolino. Riaccendere la fiamma bassa e portare a ebolizione mescolando continuamente per evitare la formazione di grumi. Quando la crema sarà densa, spengere e versarla in un piatto e per accellerare il processo di raffreddamento, mettere il piatto sopra una bacinella contenente acqua e ghiaccio. Mescolare spesso per evitare la formazione della patina in superficie.
Quando la crema pasticcera sarà fredda versarvi dentro il composto a base di cous cous.
Preriscaldare il forno a 175°.
Versare il composto in una teglia rotonda coperta di carta da forno.
Infornare per 40 minuti circa o finchè la superficie del dolce sarà leggermente dorata e compariranno delle crepe.
Far raffreddare su una griglia per dolci e solo quando è completamente fredda cospargere di zucchero a velo e servire.
Con questa torta partecipo al contest di Cinzia del blog Il ricettario di Cinzia, dal tema gli agrumi.
39 Discussions on
“una torta (quasi) meritata…e una vittoria…;-)”
  • cous cous e agrumi in una torta dolce, un accostamento particolare… mi intriga!
    che dirti? in bocca al lupo per il tuo contest e se vinci mandamene una fetta da assaggiare 😛

  • Mi hai fatto ridere di cuore tesoro. Gli uomini son davvero fatti tutti con lo stampino! E’ già tanto che la “cavia” alla fine il merluzzo ci sia risucito a cucinarlo. La mia credo che non lo riconoscerebbe nemmeno il merluzzo dopo che mi ha scambiato i ceci per chicchi d’uva!!!L’acquisto delle pere mi ha fatto ripensare a quando mandai la mia a raccogliermi i fichi! Per fortuna gli avevo fatto un trattato stile “Piero Angela” sui fichi maturi altrimenti mi tornava indietro direttamente con dei sassi!
    Molto particolare e profumata questa torta. Mi hai fatto ricordare che salvata da qualche parte ho una ricetta di torta di cous cous all’arancia o mandarino non ricordo. Di quelle che vorresti fare subito e poi inevitabilmente passano nel dimeticatoio. Ora me la ricorderò, anzi spero di farla proprio sabato ^__^
    Un bacione, sono contanta che stai meglio

    P.S. scusa se ho scritto un romanzo, mi son fatta prendere la mano!

  • Ahhahahahah fanno di quei disastri i nostri “cuccioli” di casa, ma sono così carini!! 🙂
    La torta è originalissima, bel modo per ringraziarlo!
    buona serata e un bacione!

  • i complimenti sono d’obbligo: 1° per la foto -molto bella-, 2° per la torta -davvero originale, da provare al più presto- 3° … per come stai ammaestrando la cavia! Brava, inizia presto, che dopo è troppo tardi!
    Un bacione

  • Eccomi qua!!! Sono il diffensore del sesso maschile!!! E’ vero, lo ammetto, abbiamo dei limiti nelle faccende domestiche, ma noi Peter Pan siamo fatti così e voi ci amate perchè siamo così e non cambieremo mai. La torta è fantastica, ciao Gianni

  • Bella ricetta di questa torta originale e favolosamente morbida e gustosa e ancora per la bellissima foto sul calendario. Stai andando proprio alla grande cara bravissima ^_^

  • la orta deve esere veramente super!per il resto la cavia dieri che è quasi perfetta!sullo stendino perchè poi è finita!penso che sia nel DNA maschile questa impossibilità.un consiglio….non fargli prendere gusto a fare la lavatrice

  • Idea particolare!
    Congratulazioni per ilc alendario Saretta!:D
    Bellissima la foto e sarà sicuramente stata una bellissima soddisfazione!
    😀

  • Ma possibile che gli uomini sono tutti uguali? Vabbè, meglio lasciar perdere! Complimentissimi per la torta… favolosa!!!!!!!!!
    Un abbraccio e buon fine settimana

  • Alla scena dello stendino portato in camera mi sono piegato in due dalle risate!!! :)))

    Senti, questa torta mi attizza non poco…e tu sai bene che se una cosa mi piace….

    Guarisci in fretta 😉

  • Ahahah… mi sembrava prorpio di vederlo, ma con la faccia del mio compagno… ahahahah
    è proprio vero!!! Io tremo all’idea di un’influenza che mi stende al punto da non poter neanche cucinare… chissà cosa combinerebbe in cucina 😉
    E poi complimenti sia per la ricetta che per la foto… mi piace, la voglio provare!!
    Baci
    Eli

  • Ma la tua cavia è premurosissima!
    Una torta così se la meritava tutta, no?
    Complimenti per la vittoria e rimettiti presto!
    Ciao

    P.S.: io ho imparato a fare le faccende quando ho deciso di andare a vivere da solo, finché stavo da mammina ero anch’io un uomo fatto con lo “stampino”… 😉

  • Ciao,
    leggendo l’inizio del post mi hai fatto ridere un sacco, non ci posso credere a quanto tutto sembra uguale alle cose che fa mio marito…
    Sono molto felice della distinzione che fai tra mandarini e clementine, non la fa mai nessuno ma il sapore è veramente differente e il profumo è incredibile!!!
    Vado subito ad aggiungere il tuo link, In bocca al lupo per il contest.
    Complimenti per il calendario foto bellissima ^__^

  • Ma quante peripezie cara? però divertenti dai!che bel post, mi ha messo di buon umore, anche perchè capitano sai certe cose, molto più di quanto immagini!
    La torta dev’essere squisita..poi il couscous deve starci una favola, per non parlare delle clementine! mi piace te la ruberò…

  • @nena. crepi cara e quando la rifarò(perchè questa la rifaccio molto presto)te ne farei assaggiare un pezzettino molto volentieri. Un bacione

    @scusa, ma di cosa?! A me piace quando scrivete e vi ritrovate in quello che scrivo. Sugli uomini ci sarebbe da scrivere un poema, ma poi temo sempre di infierire troppo allora mi limito ;-)…Ma tanto le loro debolezze non cesseranno mai di esistere. Il dolce invece te lo consiglio. Una torta molto diversa, ma molto buona. Se provi fammi sapere. Un bacione

    @elifla. Grazie mille cara. Provala che è una torta tutta particolare. Un bacione.

    @tery. Grazie mille cara. Un bacione

    @cinzia. Grazie, grazie, grazie per tutti i tuoi complimenti. Ad abituarlo era meglio se un pochino lo abituava sua madre, ma visto che non c’ha pensato lei, a mele estremi…estremi rimedi!!!Un bacione

    @gianni. Sono felice che la torta ti piaccia. Riguardo gli uomini, posso dirti che a mio avviso metà della colpa dei vostri limiti è vostra, ma metà è delle vostre mamme che vi abituano a poco a fare. Buona giornata

    @lety. Grazie mille cara. Un bacione

    @lucy. La torta è buona buona!!!E per la lavatrice non c’è pericolo. C’ho provato una volta e sono dovuta intervenire perchè tanto con lui non sarebbe mai partrita!!!Un bacione

    @cranberry. Grazie mille. Un bacione

    @marifra79. Grazie mille e buon we anche a te. Un bacione

    @lo ziopiero. Quella scena in effetti ha fatto ridere pure me. E visto che la torta ti ispira aspetto di sapere l’esito, tanto immagino che la potresti fare. Un bacione

    @il gamberetto. Io non riuscivo nemmeno a mangiare figuriamoci a cucinare. La torta provala che è veramente buona e particolare. Un bacione

    @nanni. Grazie mille e lo dico sempre che la colpa non è proprio tutta vostra. Buona giornata.

    @cinzia. Grazie mille. Sono felice che il post ti sia piaciuto e anche questo torta. Un bacione

    @claudietta. Se la provi tesoro, usa i mandarini e non le clementine. Tutt’altra storia! E sono felice che il post ti abbia fatto sorridere. Un bacione e se la provi fammi sapere

    @milen@. Grazie mille cara e ad essere sinceri aveva affascinato anche me questa torta la prima volta che l’ho vista. A presto e un bacione

    @lerocherhotel. Grazie mille, veramente! A presto

  • Saretta, la tua storia è esilarante (oltre ad essere un po’ un déjà-vu! :)), la torta è splendida e la rifarò di certo, originalissima con in couscous! Complimentissimi per il calendario, lo trovo bellissimo e la tua foto meritava davvero un posto! 🙂

  • Ciao tesoro…mi intriga questa torta profumata!!!
    Complimenti per il calendario…anche io sono molto contenta di essere stata scelta!!!Smack!!!

  • troppo simpatico il tuo racconto! esì un premio ci voleva proprio 🙂 ottima questa torta al cous cous annoto la ricetta!
    buon we!

  • ahahahahah!!!!! non c’è niente di più bello e simpatico e divertente che un maritino premuroso che “cerca” di aiutare.
    sono deliziosi.
    ottima e meritata torta, dai!

    un bacio e guarisci presto.

  • Trovassi anche io una cavia così! Appena mi ammalo… lui sta peggio di me! Quel dolce lo devo provare! L’uso del cous cous mi intriga parecchio!

  • @chiara. Grazie mille cara. Attendo di sapere come è andata con la torta allora. Un bacione

    @ambra. Grazie mille. E scusa se ti faccio i complimenti solo adesso per il calendario. Un bacione

    @gio. Grazie mille. Annota pure e fammi sapere se la provi. Un bacione

    @eleonora. Grazie mille cara. Si in effetti fa troppo ridere. Un bacione anche a te.

    @laura dv. La mia invece di cavia è abbastanza resistente. L’ho visto una volta stare male di influenza in sei anni.
    In quanto al dolce ti dico provalo. Molto particolare e molto buono. Fammi sapere. Un bacione

  • Saretta, mi hai fatto troppo ridere e….posso dire una cosa? Ti giuro che in casa mia le cose sarebbero andate in maniera assolutamente identica!!! Quando leggevo ridevo tra me e me…Oh, si vede che tuo mairot o il tuo ragazzo, non so, è identico al mio…U-G-U-A-L-E!
    Ahaha…Mi intriga questa ricettina….Prima o poi la provo….Sai ch però trovo più saporite le clementine che i mandarini? Forse di base il mandarino dovrebbe essere più saporito, ma ormai io trovo solo mandarini annacquati e senza sapore…..

  • @martina. Cara questi uomini sono proprio tutti uguali!!!Sono felice che il post ti sia piaciuto e riguardo la torta ti direi di provarla. Da me mandarini buoni invece ancora si trovano, i mandaranci sono quelli un pò più insipidi…Comunque se ti cimenti fammi sapere!!! Un bacione

  • …e intanto ti anticipo che l’ho fatta….
    Anzi l’ho appena messa in anteprima, quindi a breve potrai leggere tutti i dettagli…
    :))))

  • Bimba domani la posto. Per ora ti dico solo che hai creato una dipendenza! E non solo della cavia…la MIAAAAAAAAA! Di solito i dolci che faccio li assaggio e batsa ma di questa ne ho mangiata metà e solo perchè l’altra non ce l’ho ritrovata! GRAZIEEEEEEE ^__^ Un bacione, buona serata

  • @federica. Sono felicissima…Sai che anche io feci come te?! La spazzolai mezza senza neanche accorgermene!!!Un bacione e buona serata anche a te

  • La devo provare! Mi piace tantissimo, e poi nn ci sn grassi! Mi hai fatto venire in mente anche un’altra torta con il cous cous ma kissà dove ho messo la ricetta, me la dovrò reinventare… o farò la tua! Grazie a presto!

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close