L'Appetito Vien Leggendo

Food, Travel & Photos

Ed è subito Sicilia – #fairyfoodtour

Siamo atterrati(io personalmente ad occhi chiusi) quasi sull’acqua in una letterale lingua di terra(per la gioia di un’aviofobica come me) dopo 1h20 di volo durante il quale abbiamo visto sorgere il sole. Ma in fondo si sa che un’isola è interamente circondata dalle acque e non sarebbe potuto essere altrimenti.

Prima di questa terza tappa del giro d’Italia in 60 giorni, ovvero il #fairyfoodtour, non avevo mai messo piede nella terra di Pirandello laddove le targhe delle auto iniziano ancora con la sigla PA.

Non avevo mai permesso al fascino di quest’isola di esercitare su di me un tale ascendente e alla luce dei fatti me ne rammarico non poco.
Nei pochi giorni di permanenza ho scoperto un’isola viva, che vive e che rispetta le proprie tradizioni. Un’isola ospitale, calda, colorata, profumata, dialettale, multietnica(ad esempio che la cassata fosse un dolce di origini arabe no, non lo avevo considerato!) e sorridente(sarà forse merito del sole che vi splende per quasi 365 giorni all’anno?!).
Se posso darvi un consiglio, una volta arrivati staccate dal resto e immergetevi nella sua (sur)realtà..
Il nostro è stato un giro enogastronomico, ma anche turistico, che rifarei altre mille volte…
Abbiamo iniziato con i vini dell’Azienda Agricola Disisa.
Di fronte a questo panorama abbiamo degustato alcuni nettari di rara bontà espressione del territorio nel quale nascono.

Nei giorni successivi abbiamo bevuto altri vini(chiamateci pure sbevazzini), ma sia messo agli atti che il Vino Grillo del Feudo Disisa è senza dubbio tra i migliori.

Immersi in quella silenziosa oasi di pace non potevamo immaginare che a soli pochi chilometri di distanza ad attenderci ci sarebbe stata ben altra circostanza. È stato sufficiente scendere un pò di quota per incontrare Palermo una città in grado di farsi amare grazie al folklore e agli schiamazzi dei suoi mercati…
Così colorati, veri, autentici e chiassosi che non saprete da che parte guardare.

Pesce fresco che ancora si muove sui banchi, frutta e verdura extra large, antichi rimedi(ho acquistato un sacchetto di fiori di fichi d’India essiccati con i quali preparare un infuso dalle purtroppo poco note proprietà benefiche), sfincione(tipica focaccia siciliana sofficissima con cipolle e acciughe venduta sempre calda) “da passeggio”, su richiesta consigli per gli acquisti(munitevi di traduttore se potete) e tante altre amenità grazie alle quali non vorreste mai dover pronunciare la frase “non ci sono altri banchi, il mercato termina qui”.
Dopo tanto girare pausa pranzo, ovviamente in abito “street”, da Nino.
Arancine, panelle, stigghiole e l’immancabile panino ca’ meusa “schietto” ovvero condito con solo succo di limone verdello(un limone particolarmente succoso) o “maritato” arricchito da formaggio grattugiato.
Se per gola, fame, ingordigia volete assaggiare tutto non dovete fare mai il bis. Le porzioni sono fin troppo generose!
 
Per chiudere in dolcezza tappa alla Pasticceria Costa. Quella mattina non avevo volontariamente fatto colazione tanto ero certa che la mancanza di zuccheri non ingeriti non sarebbe durata a lungo.
Una volta nel laboratorio tutti hanno cercato di attentare alla mia (non)linea offrendomi in ordine sparso e ripetuto cannoli di dimensioni bibliche farciti al momento, lamponi con chantilly, gelo di melone(il nome siciliano dell’anguria), cassata, torta setteveli e poi…E poi ho detto basta. Anzi no! Avevo lasciato un piccolo spazio per assaggiare la pasta di mandorle “nature” o “in purezza” che dir si voglia, alla quale il signor Costa da oltre cinquant’anni fa assumere forme perfette ma sempre diverse. Formazione e precisione da pasticcere ma estro e bravura da pittore e artista.

La faccia di questi cannoli credo sia in grado di parlare e se volete portare un pò di Sicilia con voi il consiglio è quello di far ricoprire internamente la cialda del cannolo con il cioccolato fuso. In questo modo la ricotta umida non farà perdere la fragranza alla cialda e il cannolo sarà ancora più goloso.
Se non ricordo male, il mio destinatario aveva apprezzato…

tutte le foto contenute in questo post le ho scattate con l’iphone. Alcune le trovate sul mio profilo Instagram  

14 Discussions on
“Ed è subito Sicilia – #fairyfoodtour”

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close