L'Appetito Vien Leggendo

Food, Travel & Photos

3 giorni di pioggia a Copenhagen

Sono salita a bordo del volo diretto a Copenhagen con in mente le note di musica classica di una delle canzone più belle della colonna sonora del film “The Danish Girl” e le immagini fotograficamente impeccabili della casa di Lily. Quell’atmosfera ovattata ed elegante, vintage e chic allo stesso tempo, l’ho ritrovata in ogni angolo della rigorosa e silenziosa capitale danese. Sono stati 3 giorni di pioggia e freddo che non mi hanno impedito di fare la turista full time munita di piano B. Complice il (mal)tempo l’ho trovata una città un po’ malinconica nonostante i colori del Nyavhn e quelli ben più accesi e potenti del folkloristico quartiere autogovernato di Christiana.

img_8440

Durante questi 3gg ho mangiato abbastanza, camminato molto (mi sarebbe piaciuto noleggiare una bicicletta ma ho capito di non essere poi così impavida) e come sempre sono salita in alto per osservare i tetti poetici il giusto (anche se nemmeno lontanamente paragonabili a quelli di Parigi).

Cosa ho amato di Copenhagen:

  • I canal tours che durano circa un’ora e vi permetteranno di osservare la città da un’altra prospettiva portandovi fino alla statua della Sirenetta (è talmente piccola che non l’ho nemmeno fotografata). La partenza dei tour è presso il Nyhavn (l’antico porto di Copenhagen) e le barche sono riscaldate e coperte.

img_8691img_8536

  • Il Museo del Design L’edificio, che dall’esterno mi ha ricordato moltissimo una “dolls house”, ospita al suo interno esposizioni permanenti e non di oggetti, tessuti e stili che hanno fatto (e rappresentano) la storia del design non solo danese. Imperdibile il padiglione dedicato all’arte giapponese, quello delle manifatture danesi del 21° secolo e, per gli amanti del genere, quello che ospita una collezione di porcellane composta da 3.000 pezzi. Non mancano infine uno shop dove acquistare regali e gadgets abbastanza sfiziosi e un caffè.

img_8501

  • La Torre Rotonda che è uno dei monumenti più famosi della Danimarca. Si tratta di una torre panoramica e per raggiungere la sua sommità si deve camminare lungo una rampa a spirale che è disseminata di finestre e ruota intorno ad un pilastro centrale. Visitandola preventivate una sosta anche presso la Sala della Biblioteca che ospita esposizioni d’arte ed eventi culturali.

img_8689-1

  • Il Castello di Rosenborg che era la residenza preferita del Re Cristiano IV e divenne ben presto il luogo dove i reali mettevano i loro oggetti più rari e preziosi. Si tratta oggi di un museo dove ammirare in sale prestigiose il tesoro e i beni dei reali Danesi tra cui armi, gioielli, oggetti in avorio e ambra e persino le botti che contenevano il “vino di Rosenborg” tuttora servito durante le occasioni speciali. Durante la bella stagione godetevi anche i bellissimi giardini che lo circondano.

  • Il Museo Nazionale Danese dove sono arrivata forse troppo tardi. Qui si può fare un bel viaggio nella storia della Danimarca e per visitare i 3 piani che lo compongono probabilmente non basta un intero pomeriggio. La collezione è ricchissima si parte dalla preistoria e si arriva ai nostri giorni passando per Medio Evo e Rinascimento.

Dove ho dormito a Copenhagen:

  • Hotel Skt. Petri Mi sento di consigliarlo per la posizione, il design degli spazi comuni e l’abbondante colazione. Le camere, seppur pulitissime, risultano abbastanza “essenziali” e non sono troppo spaziose.

Dove ho mangiato/bevuto a Copenhagen:

  • Già prima di partire sapevo che avrei amato moltissimo gli smørrebrød i celebri sandwich aperti stracolmi di ogni ben di Dio. Oltre ad essere buonissimi sono grandissimi e sostanziosi e con fatica sono riuscita a finirne due alla volta. I miei preferiti? Quello con aringhe e uova sode e quello con fegato, cipolle rosse e confettura di mirtilli rossi. I più buoni li ho mangiati da Hallernes il cui corner è presso il bellissimo mercato coperto Torvehallerne. Vi consiglio di andare a pranzo così dopo aver mangiato potrete fare gli acquisti più disparati in tema di food (e qui è dove troverete dei macellai da copertina :)).

  • Presso il wine bar Bibendum ho bevuto un calice di vino prima di andare a cena ma il locale è accogliente e delizioso e semmai dovessi tornare nella patria della hyggetudine vorrei provare anche qualche piatto presente in menù.
  • Pesce buonissimo e ambiente giovane al Fiskebaren. Cucina quasi a vista, piatti ricercati e tanto crudo. Buonissimo il calamaro con coste arrosto, sedano rapa, aglio nero, alghe in salamoia e mirtillo e sorprendente anche il dessert con pan di spagna alle alghe, mele e latte di capra. Il consiglio è quello di prenotare con anticipo.
  • Al Café Norden che è un bellissimo locale storico posto su due piani. Fermatevi qui per una pausa e accompagnate il tè o il caffè con qualche deliziosa fetta di torta tutt’altro che light.

img_8422

  • Da Höst. Qui lo stile è nordico ed essenziale e la cucina moderna ma senza troppi fronzoli. In carta due menù fissi uno da 3 e uno da 5 portate che vi permetteranno di fare un viaggio alla scoperta della cucina danese contemporanea. Io ho amato moltissimo questo posto consigliato anche da lei.

img_8429

  • La birra da Mikkeller. Il locale è piccolo e spesso affollato ma la scelta delle birre artigianali è ampia e la qualità ottima.

Cosa non sono riuscita a visitare/fare:

  • Il Black Diamond semplicemente perché era chiuso. L’imponente edificio è molto moderno e oltre alla libreria nazionale danese ospita un auditorium dove spesso si tengono concerti di musica jazz e il museo nazionale della fotografia.
  • Visitare Malmö. A detta dei miei vicini di posto in aereo una volta arrivata in aeroporto a Copenhagen sarebbe bastato salire a bordo di un autobus diretto nella città svedese che passa attraverso il ponte Øresund. Ma io ero troppo curiosa di scoprire per la prima volta la patria della hygge :P.
4 Discussions on
“3 giorni di pioggia a Copenhagen”
  • Deve essere bella come città.
    Il fino a poco tempo fa, non avevo neppure lontanamente consideraro l’ idea di un viaggio in Scandinavia, eppure merita 🙂

    • Merita moltissimo, altroché. Spero di riuscire a visitare quanto prima anche Stoccolma 🙂

  • Vogliamo visitare Copenaghen da un po’…e sicuramente il film The Danish Girl ha incrementato la voglia di vedere questa città! Sono indecisa fra la primavera o l’autunno, perché sono certa che i colori in questo periodo siano ancora più spettacolari! 🙂

    • Effettivamente non è facile scegliere. Io istintivamente ti direi la primavera ma i colori della natura in autunno sono ineguagliabili. Qualsiasi sia il periodo nel quale andrete vi auguro una buona permanenza!

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close