L'Appetito Vien Leggendo

Food, Travel & Photos

Testaroli con crema di cavolfiore e sgombro grigliato

Farina, acqua e sale i soli ingredienti. Spugnosi, simili a crespelle e tipici della Lunigiana. Nonostante il mio amore smisurato nei confronti della Toscana e della sua cucina, non li conoscevo e soprattutto non li avevo mai mangiati. I testaroli sono un primo piatto povero e antico nato quando le materie prime scarseggiavano e la sfida consisteva nel nobilitare i pochi ingredienti che si avevano a disposizione. Io li ho acquistati su Amazon e ammetto che sono stati una scoperta. Pronti in un battibaleno, perché è sufficiente reidratarli in acqua bollente per poco più di 30 secondi, sono piaciuti a tutti qui a casa. Al primo assaggio ho voluto rispettare la tradizione e li ho conditi con il pesto. Poi mi sono addentrata nel ginepraio delle sperimentazioni e dopo vari condimenti più o meno azzeccati ho trovato quello che è riuscito a mettere d’accordo tutti.

Ho rispettato la stagionalità con il cavolfiore romanesco, ho aggiunto un pesce povero ma ricco di grassi buoni e micronutrienti quale lo sgombro e per la nota croccante mi sono affidata alle lamelle di mandorle tostate. Il risultato è stato un piatto sano, cremoso e gustoso addirittura da bis.

Testaroli con crema di cavolfiore e sgombro grigliato
Ingredienti per 4 persone
420g di testaroli della lunigiana
520g di cime di cavolfiore romanesco (il mio intero pesava circa 800g)
200g di filetti di sgombro fresco
40g di mandorle a lamelle
1 spicchio di aglio
olio evo
peperoncino
sale

Procedimento
Sbollentate le cimette del cavolfiore per 5 minuti in abbondante acqua salata. Recuperatele con una schiumarola e conservate l’acqua di cottura.
Eliminate le lische dai filetti di sgombro e spennellateli su ambo i lati con olio evo. Fate riscaldare su fiamma media una piastra in ghisa. Salate i filetti di sgombro e grigliateli su ambo i lati girandoli a metà cottura. Dividete lo sgombro a piccoli pezzi.
In una padella far soffriggere uno spicchio di aglio in camicia con l’olio e il peperoncino. Ripassatevi le cime del cavolfiore, mescolando spesso. Aggiustate di sale. Eliminate l’aglio e frullate il cavolfiore aggiungendo 1 bicchiere di acqua di cottura e l’olio a filo fino ad ottenere una morbida crema.
In una padella anti aderente posta su fiamma media fate tostare le mandorle.
Tagliate i testaroli a losanghe. Portate di nuovo a bollore l’acqua dove avevate scottato le cime del cavolfiore, abbassate il fuoco al minimo e versatevi i testaroli facendoli cuocere per 30 secondi. Recuperateli con una schiumarola (non scolateli altrimenti si distruggerebbero), e uniteli alla crema di cavolfiore. Mescolate delicatamente. Completate con i pezzi di sgombro, le mandorle e se volete con un filo di olio evo.

nota: È possibile preparare in anticipo la crema di cavolfiore, il pesce e le mandorle e al momento del pranzo (o della cena) sarà sufficiente riscaldare le varie componenti, reidratare i testaroli, assemblare il piatto e servire a tavola. 

ACQUA FARINA E FANTASIA - TESTAROLI

Lascia un commento

La tua email non sara' pubblicata

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close